Upgrade da WordPress 2.2 con Ultimate Tag Warrior a WordPress 2.5 con Simple Tags

Torno a fare qualche post un po’ più geek oriented, che so esserci tanti tra i miei lettori che di quello che succede là fuori non importa poi un granché, della serie “Francia o Spagna, purché se magna” (e poi vengono pure a rimproverarmi nei commenti 😀 ).

L’altro ieri ho upgradato un blog (non questo: così i curiosi si risparmiano la fatica di guardare il sorgente del codice html) da WordPress 2.2 a WordPress 2.5. L’aspetto che mi preoccupava di più era il fatto che il blog in questione (come questo, a dirla tutta) usava Ultimate Tag Warrior come sistema di tagging. Avevo letto che da WordPress 2.3 c’è una funzionalità di tagging built-in e non capivo se e quanto UTW sarebbe stato compatibile con le ultime versioni di WP.

Detto che, per quei pochi minuti in cui è rimasto in piedi, UTW (aggiornato all’ultima versione, ovviamente) sembrava funzionare tranquillamente su WP 2.5, ero comunque partito con l’intenzione di cambiare anche il sistema di tagging. E così ho fatto.

Dietro suggerimento di anonimo italiano, ho installato Simple Tags e ho migrato i tag esistenti grazie al tool apposito presente in questo plugin. Per definire il risultato, rubo una frase agli anglofoni: a piece of cake.

Per quanto riguarda WP 2.5 in sé (a prescindere quindi dal tag system adottato), il primo giudizio è assolutamente positivo. L’interfaccia del backend è molto funzionale e anche molto più gradevole (come disse Alessandro Bergonzoni: se la faccia fa una rapina, anche l’occhio vuole la sua parte).

Ovviamente però non vanno dimenticate le solite raccomandazioni quando si tratta di nuove major release. Il bug è dietro l’angolo, quindi se decidete di aggiornare alla versione 2.5, state pronti a riaggiornare a breve. Non dirò invece di fare un backup del vostro sito prima di procedere all’upgrade, perché se non lo fate già a prescindere significa che dovete lasciar perdere i computer e fare altro nella vita.

Come far funzionare il mod rewrite con Ultimate Tag Warrior

Se usate Ultimate Tag Warrior per gestire i tag sul vostro blog WordPress potreste incontrare problemi qualora abilitiate il mod rewrite per i tag (dal pannello di WordPress, Options -> Tags).

Per motivi che non mi metto a spiegare perché non sono neanche sicuro di averli capiti appieno io, potreste ricevere un error 404 quando visitate la pagina di un tag in locale (ad esempio, www.vostroblog.com/tag/bug/).

All’inizio cercavo la soluzione all’interno del file .htaccess, ma in realtà mi sono accorto che è sufficiente ricostruire la struttura dei permalink (Options -> Permalinks) dopo aver abilitato il mod rewrite per i tag.

Qualora continuiate a ricevere error 404, provate, prima delle due modifiche via pannello di cui sopra, ad inserire nel file .htaccess queste due righe (subito dopo la riga “RewriteBase /”):

RewriteCond %{REQUEST_URI} ^(/tag)
RewriteRule ^tag/(.*)/$ /index.php?tag=$1 [L]

Ma nonostante questa sia una soluzione che ho trovato in giro per Internet, ho verificato (anche su questo stesso blog) che non è sempre un passaggio necessario.

Perdo i tag

Piccola richiesta d’aiuto: su questo blog wordpress uso Ultimate Tag Warrior per gestire i tag. Solo che ultimamente mi sono accorto che si perde i tag e mantiene solo quelli delle categorie.
Idee o suggerimenti per capire che succede?

Alcune modifiche apportate a questo blog

Ho appena finito di apportare una serie di modifiche a questo blog.
Ho tradotto (quasi?) tutto il testo in inglese del tema (uso almost spring).
Ho riordinato un minimo le categorie (spostandomi un poco dalla logica del portale alla logica del tag).
Ho eliminato AdSense (che tanto non mi faceva certo campare…).
Qualche giorno fa avevo anche eliminato la rotazione banner in testa alle pagine.
Ho aggiornato Ultimate Tag Warrior, plugin per la gestione dei tag. E che ora permette anche di avere una pagina con il (o la? è maschile o femminile?) tag cloud.

Tag: mi ci abitueró mai?

Boh, è inutile. Ogni volta che pubblico un post, mi dimentico di inserire i relativi tags. Mi ci abitueró mai? Insomma, non dimentico mai di selezionare la categoria piú adatta (che poi le categorie di questo blog meritino una bella revisione pesante non ci sono dubbi, ma é tutta un’altra storia…).

Per la cronaca (e soprattutto per tutti coloro che, di continuo, chiedono consigli al riguardo), uso il potentissimo Ultimate Tag Warrior, plugin per WordPress talmente potente che ci ho messo un bel po’ di tempo a capire come usarlo per bene 🙂

P.s. persino in questo post mi stavo scordando di inserire i tag!!! 😮