Altro che viagra e cialis

Una (piccola, diciamolo) indagine rivela che la ‘nduja è un potente afrodisiaco.
Ma chi, tra coloro che hanno avuto il piacere di mangiarla, può dirsi meravigliato?

Di che vino sei?

Elena chiama, Stefano risponde.

Secondo voi il vino è maschile o femminile?
Maschile, non c’è dubbio.

Sei più vino rosso, bianco o rosé?
Rosso.

La tua prima volta?
Piccino 🙂

Il tuo miglior ricordo “emotivo” di un vino?
Domanda troppo difficile. Passo.

La migliore associazione tra un vino e una portata?
Agnolotti ripieni di brasato di manzo e spinaci (fatti a mano) con un bel Barolo invecchiato (invecchiato quasi troppo).

La tua migliore degustazione (prevista o fantasticata)?
Una volta a Roma, a Palazzo Colonna, c’era una degustazione con 5 vini all’interno di una mostra di vini di tutta Italia, dove si assaggiavano tutti i vini. Quindi iniziata come degustazione, ma… 🙂

Chi sceglie il vino in casa tua e chi amministra la cantina?
Io e io. Anche, ma non solo, per mancanza di alternative.

Quanti vini hai in cantina?
Pochi, in realtà. Qualche rosso invecchiato ed impolverato e basta.

Come inizieresti un giovane al vino?
Facendogli scoprire il lavoro, la tradizione, la magia che c’è dietro.

E ora, forziamo la mano e facciamo girare questo meme. Stesse domande per:
uno dei coautori di Di vino & cibo
Antonio
Luca
Filippo
Angelo (che così è costretto a resuscitare il suo blog 😛 )

A volte ritornano

Ora che il dns si sta definitivamente sistemando, posso anche dire con piacere che due miei vecchi blog sono ripartiti. Per essere più precisi, sono i miei primi due blog.
Diarizing era in assoluto il mio blog personale, in lingua inglese, ma dopo un po’ mi stancai di scrivere in inglese (anche perché comunque un minimo di sforzo in più ce lo dovevo mettere), e questo divenne *il* mio blog. Ora ritorna, dopo un salutare rm -Rf, e sarà una via di mezzo tra il classico blog ed il tumblelog, che ora va tanto di moda. Che cosa vuol dire “una via di mezzo” in questo caso non lo so bene neanche io, ma almeno mi sento libero di scriverci post estremamente sintetici (con maggiori chance di riuscire a scriverci più spesso).
Con Ugo poco dopo nacque l’idea di aprire un blog che parlasse di vino e cibo (e anche altro, magari) senza particolari vincoli di sorta. Dopo mille fasi, Di vino & cibo (poteva chiamarsi altrimenti?) torna ad essere aggiornato grazie all’aiuto di un paio di amici che hanno chiesto un account per poterci scrivere.

Prossimi spostamenti

E sai mai che a qualcuno interessi 🙂

Il 18 maggio sarò a Roma per il Corso SEO Extreme di Madri. Vado ad imparare qualcosa di nuovo? In tutta franchezza, ne dubito. Ma ci vado lo stesso, perché almeno avrò l’occasione di incontrare un po’ di amici senza dover fare 1000 e passa km (che tutte le cose le organizzate lì giù al nord…).

Il 12 giugno, invece, sarò a Milano per la presentazione dei risultati della Ricerca sulla interazione tra i navigatori e i siti enogastronomici di commercio elettronico. E qui, poco importa se devo farmi più di 1000km d’andata e altrettanti di ritorno: dato che Inari è sponsor, non posso proprio mancare.

Sei di Milano? Partecipa!

Se sei di Milano (o dintorni) ed hai acquistato almeno una volta on line, dovresti prendere in seria considerazione l’idea di partecipare alla ricerca sull’interazione tra i navigatori ed i siti enogastronomici di commercio elettronico condotta da Maisazi.
Va da sé che la mia è una richiesta interessata. Ed infatti con Inari partecipiamo a questa iniziativa.

Per partecipare, manda una email a Mariangela: [email protected]

User generated commercial

Alessio mi aveva dato alcuni indizi per capire cosa stava combinando, ma, per quanto avessi potuto intuire qualcosa, mai avrei immaginato arrivasse a tanto.

Un doveroso grazie, oltre che ad Alessio, anche a JoeBar, grande artista.

Se non soffrite di ipertensione

Se non soffrite di ipertensione, vi consiglio vivamente (e ci mancherebbe altro!) di dare un occhio a cosa è appena arrivato sugli scaffali virtuali di Inari: la liquirizia. Ovviamente, Amarelli.