Senza Google

Come ho scritto l’altro giorno, ho provato a cambiare la homepage del mio browser: non più iGoogle ma Ask.

Solo che in poco tempo Ask non è stato in grado di sedurmi, forse per la frustazione di vedere il mio scarso posizionamento su Ask (dovuto anche a bug del motore, per inciso: non mi vengano a raccontare che gestisce completamente e correttamente il redirect 301, ad esempio…).

Ho così deciso di usare tre homepage contemporaneamente (potere dei tab): a iGoogle e Ask ho aggiunto Yahoo.

Però in pochi minuti mi sono reso conto che iGoogle era il centro del mio mondo su Internet. AdWords, Analytics, AdSense, Google Reader, persino la todo list. Google è il centro della mia attività su Internet.

Intendiamoci, non sono poi così felice che sia così, dato che di fatto Google è un monopolista. Ma questa è la fotografia dell’importanza di Google per il sottoscritto. E non credo certo di essere l’unico.

Comments

  1. a chi lo dici. Io ormai la mia agenda ce l’ho su google calendar, e non è poco.

  2. Idem! Io oltre a quelli che hai citato uso anche Gmail e Google Docs! Sono google dipendente… :-S

  3. Anche per me google è essenziale. Io uso Gmail, blogger, adsense, analytics, maps, earth, reader, strumenti per webmaster, la toolbar sia su firefox sia su IE e sono anche iscritto a orkut e business center.

    Però resto dell’idea che il migliore motore di ricerca sia yahoo, come qualità dei dati.

  4. Ciao Stefano, condivido il tuo pensiero, anche per il mio modo di vivere internet Google è sempre più importante.

    Il problema è dov si fermerà? Diventeremo veri e propri “googledipendenti”?

    Forse il problema è il mercato, che in questo momento vede lo strapotere di Google, ma come dico da parecchio tempo sono certo che cambierà, arriveranno valide alternative, l’attuale supremazia di Google rappresenta un perido storico, come ce ne sono stati tanti, come ce ne saranno sempre.
    Per ora continuiamo ad amare Google, ma teniemo allo stesso tempo le dovute distanze.

    GM

  5. Hai proprio ragione… tutti google dipendenti! Beh, sbaglio o è proprio questo lo scopo di google? Offrirci tutto in modo da non abbandonarlo mai!

  6. non posso che essere d’accordo con quanto hai rilevato … google ci dice come fare i siti, come vuole siano fatti per essre accettati nei suoi DC. Senza contare tutti i servizi “gratuiti” di ottimo livello che offre … è triste dipendere in tutto e per tutto da un solo “monopolista”. Il perché è ovvio …

  7. è vero , un po triste ma vero , io non sono mai riuscito ad affezionarmi alla home di igoogle , mi annoiava meglio la classica , ma tutto il resto ruota li intorno.

Speak Your Mind

*