Raffinate strategie politiche

Prima cacci chi non si vuole sottomettere completamente, poi spendi buona parte del tuo tempo a fargli guerra in tutti i modi (sottraendogli candidati e invitando gli elettori a votare, piuttosto, il tuo principale avversario), infine candidi un fascista fiero di esserlo (ma fosse solo questo…). Regalando, di fatto, parecchi voti dei moderati al tanto odiato centro.

Perle

“Non siamo un partito, ma un movimento nato dalla gente, venuto dal basso. Tre milioni di persone potevano scegliere il nome e hanno scelto Popolo della Libertà”. Silvio Berlusconi