Tifosi saggi

Fatevene una ragione

Finché non cambiano il modo di gestire l’arbitraggio ci sarà sempre lo stesso problema e chi sta al vertice passerà sempre per il ladro di turno. La percezione che l’Inter abbia bellamente soppiantato la Juve nel novero dei favoritismi è netta. La squadra è sicuramente fortissima e proprio per questo episodi come quello di ieri danno più fastidio.

Comunque farne una colpa ai suoi tifosi non è corretto, chiamare ladro uno perché tifa una squadra è ingiusto, che c’entra la gente che sta a casa con quello che combina il Paparesta col Moggi di turno? Nulla perciò tutti insieme dobbiamo attivarci per dare sostegno a chi questo sport lo vuole rifondare per adeguarlo ai tempi. Si parla da oltre un decennio di moviola in campo, palloni col sensore, raddoppio degli arbitri in campo, maggiori sanzioni contro slealtà sportiva e via dicendo ma non succede nulla, ne quì ne altrove. Immobilismo degno del governo italiano. Il calcio è cambiato, sperare di poterlo amministrare con le regole concepite 100 e passa anni fa è utopistico oltre che anacronistico.

Rivolgo poi un invito a darci tutti una calmata, il termine SPORT significa “passatempo” e non CAOS, GUERRA o diritto all’insulto. Aiutiamo a gestire il cambiamento e non facciamoci la guerra tra appassionati.

Scritto da Member_121938 lunedì 21 Gennaio 2008, 14:39 in un commento all’interno della discussione nata in un articolo su Gazzetta.it

E all’improvviso, in un mercoledi sera, a fine Luglio…

Quattordicesimo scudetto
L’Inter è campione d’Italia. Ovviamente, niente caroselli, e neanche un bicchiere in più del previsto durante la grigliata.
E pensare che se non si facevano sgamare come dei polli, non avremmo vinto neanche questo…

Non è poi così grave

Davvero pensavate che il calcio italiano era un mondo marcio, fatto di favori, telefonate, minacce, arbitri corrotti o chiusi a chiave, etc etc etc? Davvero credevate che questo era il più grande scandalo del mondo del calcio? Mannò! Non è successo nulla (o quasi).

“Non è poi così grave”, titola ironicamente il berlinese Der Tagesspiegel secondo il quale “il più grande scandalo nella storia del calcio – come lo ha definito il presidente della Fifa Joseph Blatter – si è trasformato in una storia da niente”.

(da gazzetta.it)

E d’altra parte, diamo l’indulto anche a chi ha commesso reati finanziari, di corruzione e contro la pubblica amministrazione. Perchè fare i moralisti e ripristinare la giustizia proprio con il mondo del calcio?
Madaaaaaaaaaaaaiii……..

La GEA controllava tutto

No, dico: ma stiamo scherzando? Serviva tutto questo casino per arrivare alla conclusione che la GEA controllava un tale numero di giocatori e allenatori (e arbitri?) da poter gestire i risultati come più preferiva? Ma non è forse ciò che noi interisti abbiamo sempre sostenuto? E non per partigianeria, che se non abbiamo mai vinto uno scudetto è anche colpa nostra, ma perchè si trattava di fatto notorio.
Tutti sapevano, e ora tutti si scandalizzano. Bah…

Moggi su MSN Messenger

Mi arriva via email, e pubblico qui (non ho mai amato inviare email a tutti i miei contatti, e ne approfitto del blog).

Account msn di Moggi

Che dire… bellissima! 🙂