Formicolio agli arti

Ho pensato a lungo di scrivere questo post, volutamente ottimizzato per avere il miglior posizionamento possibile sui motori di ricerca per la keyword “formicolio agli arti”. Perché? Beh, banalmente, perché, dopo aver scritto questo post, ho iniziato a notare accessi per parole chiave inquietanti come formicolio agli arti, formicolio agli arti superiori, formicolio agli arti inferiori, etc…
Chi ha letto quel post sa giá cosa mi é successo (appunto, formicolio e coma di 17 giorni per encefalite virale), e molto probabilmente sa anche che ora sto benissimo.
Vorrei che questo post riuscisse a raggiungere le primissime posizioni dei motori di ricerca per un semplicissimo motivo: voglio che chi sta cercando informazioni sul formicolio agli arti (informazioni che probabilmente non saranno esattamente tranquillizzanti) possa avere speranza.
Certo, un bel documento scientifico che spiega le possibili cause sarebbe piú adatto, ma da quel che ho capito il formicolio agli arti indica qualcosa di grave; se non sempre, quasi. E quindi, non é il caso, a mio avviso, di cercare informazioni su Google. Chiamate direttamente il dottore (ed uno bravo, non un minchia come il mio vecchio medico di famiglia…).
Il formicolio agli arti spesso indica problemi di natura neurologica (che sia encefalite virale, come nel mio caso, sclerosi multipla o altro). C’é poco da stare allegri, insomma…

Peró, a coloro che si trovano in questa situazione, voglio dire chiaro e tondo di essere ottimisti. A prescindere.
Nel caso di encefalite virale, per dire, possono succedere le peggio cose: entrare in coma e non uscirne piú. Oppure uscire dal coma ma con handicap permanenti. Ed il recupero, quando c’é, si ha nel giro di almeno un anno. Un anno non é poco!

Ma ogni tanto accadono i miracoli. E cosí, é accaduto che io sia stato dimesso dopo 17 giorni di coma piú una settimana in rianimazione, piú 45 giorni in un reparto di neuroriabilitazione e terapia intensiva. Questo significa che nel giro di poco piú di due mesi ho fatto in tempo ad avvertire i primi sintomi (il formicolio agli arti, appunto!) e ad essere dimesso. Certo, ho dovuto continuare la fisioterapia per altro tempo, ma la mia autonomia (il tornare alla mia vecchia vita, insomma, calcetto escluso) l’ho recuperata a tempo di record.

Ho meriti in questo recupero? Non credo proprio, francamente. Preferisco credere che mi é andata bene e basta. Ma se un qualche merito ce l’ho, questo puó stare solo nella forte forte forte voglia di tornare come prima (io che non sono certo un mostro di volontá…), il prima possibile. Se c’é stata da parte mia qualcosa che puó aver accelerato il recupero, é sicuramente la determinazione, la convinzione, la assoluta certezza, l’inevitabilitá che sarei tornato come prima in breve tempo.

Chiaramente, é difficile comunicare a chi ti sta intorno quel che ti senti dentro, se un tubo in gola ti impedisce di parlare (niente aria attraverso le corde vocali…). Ma sentendomi certo di stare bene (anche quando proprio bene non stavo), volevo in qualche modo trasmettere le mie sensazioni agli altri. Trasmettere tranquillitá (perché chi sta in coma é la persona che sta meglio di tutte, emotivamente parlando; sono gli altri quelli che soffrono di piú).

E cosa possono fare gli altri (parlo di parenti, amici, conoscenti)? Di concreto, non molto, credo. Ma avere speranza si, e, credetemi, conta. Molto. E siccome la speranza é l’ultima a morire (cazzo! quanta saggezza nei detti popolari…), tenetela viva. Potrebbe avverarsi un miracolo.


Update 25/08 ore 23:10 (che ci faccio il venerdi sera a casa?)
Come consigliato da Samuele, elenco tutti i blogger che hanno citato questo blog (ah, se inviate un trackback a questo post, meglio, cosí so che ne avete parlato e vi posso aggiungere alla lista – discorso valido sia per chi in futuro ne parlerá, sia per chi ne ha giá parlato senza mandare trackback).

Giorgio
Tambu
Enzo
Samuele
Ketto
BlueVolvox
Guzzo
Luca Conti

Comments

  1. Complimenti per il post, Stefano.

    Quando il “formicolio ad un arto” si protrae per più giorni è una cosa saggia consultare immediatamente un medico. Soprattutto se questa fastidiosa sensazione si accompagna a fenomeni di ipoestesia (mancanza di sensibilità) sull’arto interessato.

    Escludendo la casistica che ha riportato Stefano, esiste la possibilità, neanche tanto remota che esistano focolai nel sistema nervoso compatibili con la Sindrome Demielinizzante (Sclerosi Multipla).

    Ho detto “Esiste la possibilità” perchè non è assolutamente detto che sia per questo motivo. Episodi isolati di formicolio possono essere indice di carenze circolatorie, o di un inizio di esaurimento nervoso in corso (da non sottovalutare, ma non grave come patologia). Se invece la sensazione è continua e si ha l’impressione che con il passare dei giorni la zona di interesse si espanda, è facile che ci sia in atto una patologia di tipo neurologico che merita tutta l’attenzione possibile.

    E’ bene recarsi al pronto soccorso, spiegando nel dettaglio la cosa.
    Verrà eseguita una TAC e fatta la richiesta di una Risonanza Magnetica CMC (con mezzo di contrasto), che è l’UNICO esame in grado di confermare o smentire eventuali patologie gravi al sistema nervoso, alla colonna, alla testa.
    Esiste un ulteriore esame, il Liquor, molto invasivo, ma viene effettuato in un secondo tempo e non in tutti i casi.

    Il mio non vuole essere un commento funesto o malaugurante. Assolutamente. Però un formicolio continuo agli arti non è normale e nel rispetto di noi stessi e delle persone che ci vogliono bene è bene accertarsi delle ragioni che lo stanno provocando. Se sciocchezze come la pressione bassa, o patologie gravi come la SM.

    Se (e ripeto: SE) dovesse essere diagnosticata la SM sarà un brutto colpo. E’ noto che sia una malattia incurabile e degenerativa. Ma c’è una bella notizia: la medicina ha fatto immani progressi rispetto a 20 anni fa (quando fu diagnosticata a mio padre) e per quanto non curabile è perfettamente controllabile, tramite cortisone e interferone, e il decorso può essere enormemente rallentato.

    Il “formicolio agli arti” è un messaggio che l’organismo lancia per dire che qualcosa non va, ma si è in tempo per intervenire tempestivamente e far sì che la vita prosegua tutto sommato normalmente.

    S.

  2. quando ti è successa questa cosa del formicolio agli arti ancora non ti conoscevo, ma sono contento che tu ne sia uscito, e trovo encomiabile che utilizzi le tue conoscenze per fornire un utile servizio a terzi :)

  3. Speriamo che serva a qualcuno.
    Nel mio blog mi sono permesso di concordare meglio il verbo durante la tua citazione. Spero non ti dispiaccia. :-)

  4. Mi permetto di darti anche un piccolo consiglio: dovresti mettere alla fine del post la dicitura “Ne hanno parlato…”. Ed elencare tutti i blog che riprendono e linkano il tuo post. Se conosco bene la blogsfera questo ti permetterà di avere un aumento percentuale, piccolo ma interessante, di riferimenti.
    Io ne ho parlato prima. :-)

  5. rispondo a tutti, in ordine :)
    ma prima un ringraziamento a tutti coloro che hanno commentato/trackbackato (esiste? no? bene, l’ho appena inventato! :P), e anche a coloro che hanno commentato sui vari blog che hanno ripreso il post.

    Stuart grazie per il tuo commento. probabilmente é piú utile del mio stesso post.

    Tambu é vero, non ci conoscevamo, ma non importa. meglio tardi che mai ;)

    Samuele grazie per la segnalazione dell’errore, provvedo subito a sistemarlo. per quanto riguarda l’elenco, beh si, é un’idea, ma non bastano i trackback (privi di nofollow, per la cronaca)?

  6. mmm, forse no, mi sa che hai ragione tu. c’é qualcuno che non manda i trackback :D

    provvedo ;)

  7. Sei primo su Google. :-)

  8. si Lukas, ho visto. é grazie ai link degli altri blogger che sono lí.
    infatti appena Google ha messo in indice questa pagina, era attorno alla sesta posizione. poi, nel giro di poche ore, ha digerito gli altri link e sono andato al primo posto.

    potenza della blogosfera :)

  9. Ciao! Sono capitato per caso sul tuo blog e ritengo che questo tuo post possa essere di aiuto anche ad altre persone: per questo ho deciso di provare, nel mio piccolo, a contribuire nel dargli maggiore visiblità!

  10. grazie anche a te :)

  11. vorrei aggiungere che anche nei D.A.P. (Disturbi da attacchi di panico) una delle manifestazioni puo’ essere il formicolio agli arti.
    Quindi toglietevi ogni dubbio con gli esami ma tenete anche conto che si potrebbe trattare di una sorta di manifestazione ansiosa molto acuta.

  12. ciao è ormai da una settimana che ho formicolio che è partito dall’orecchio sx e ora è arrivato alla gamba, mi sento inutile xkè faccio anche fatica a premere i tasti del pc ed ho paura… i dottori non sanno cos’è perchè reagisco al martelletto spero di cavarmela con poco…ho solo 27anni!|!!

  13. Ho del formicolio fastidioso agli arti inferiori e superiori (a seconda della posizione, braccia, mani, gambe e piedi)da 2 mesi, ovvero dopo l’anestesia spinale effettuatami in ospedale per un intervento di estrazione vena varicosa. Ogni medico mi dice di aspettare ancora qualche mese prima di dare giudizi ma il mio formicolio e tremolio anziché diminuire, aumentano! E’ ovvio che il liquido spinale o l’ago mi abbiano procurato questo, qualcuno ha esperienza o consigli da darmi? Sono preoccupato! Ho 33 anni, l’attività sportiva l’ho ripresa tranquillamente ma vi assicuro che questi formicolii non mi danno tregua. Grazie, ciao a tutti

  14. nicola pastore says:

    salve secondo voi cosa può essere il formicolio alla mano sn??

  15. nicola pastore says:

    URGENTE!!!!!!! salve dottori ho un formicolio alla mano destra secondo voi che può essere?? GRAZIE X FAVORE RISPONDETEMI è URGENTE!!!!!!!

  16. ciao nicola, qui non ci sono dottori (o almeno, non mi risultano). potrebbe anche essere una sciocchezza, però è bene se domani vai dal medico che ti farà fare visite specifiche che tolgano ogni dubbio.

    ciao

  17. ciao!scusa se mi “intrometto”sul tuo blog.sono arrivata a te tramite un motore di ricerca (cercavo encefaliti virali).mio papà ormai è un mese che è ricoverato all’ospedale.è entrato con febbre molto alta,diagnosticata influenza,che ora come ora non sanno più cosa sia.l’ultimo sospetto è “encefalite virale”.esami liquor negativi perchè falsati dagli antibiotici.anche lui da una settimana è in rianimazione e venerdì gli hanno praticato la tracheotomia.in questi giorni apre gli occhi ma non sembra “vigile”o comunque riconoscerci.i medici non sanno più che dire.tu quando ti sei “svegliato” dal coma eri subito presente?scusa se ti faccio tornare su un argomento magari a te poco piacevole,ma sto vivendo un periodo di angoscia totale sommato al non avere risposte.grazie mille e buona giornata.

  18. ciao… mi chiamo riccardo ed ho 16 anni, 15 giorni fa dopo 10 giorni di mal di testa, svegliandomi sentivo un forte formicolio alla parte destra del mio corpo.
    credendo di aver dormito in una posizione scomoda sono sceso per spiegare a mia mamma cosa era successo. dopo 5 minuti ho iniziato a dire parole senza senso e a sentire molto poco, ricordo anche che la vista era molto confusa e il mal di testa aumentava. cosi mi portano di corsa al pronto soccorso, li dopo 5 ore di confusione totale mi ricoverano, dopo la visita del neurologo decidono di farmi la T.A.C. che però risulta negativa allora il giorno dopo optano per la puntura lombale e dal midollo estratto capiscono che è ENCEFALITE A LIQUOR LIMPIDO. dopo 15 giorni di anti-biotici e di anti-virali sono stato dimesso fortunatamente senza alcun danno!!. caro Stefano questa è la mia esperienza (mi hanno detto che è stato un miracolo!!!) …aspetto tue notizie…

  19. Ciao Stefano, sono Luigi. Se mi trovo a leggere questo post e a scriverti è perchè dal 14 febbraio scorso, 9 giorni fa, un mio caro amico, Giovanni, è in coma colpito da encefalite virale! Un’amica di mia mamma ieri sera mi ha detto di aver letto su internet di un ragazzo che per lo stesso problema era stato 17 giorni in coma e poi si era salvato. Allora stamattina sono venuto a cercarti in rete. Leggere queste cose che hai scritto mi da speranza, da speranza a tutti noi amici di Giovanni. Vorrei far leggere il tuo post ai suoi genitori se riesco a trovare il coraggio. Cmq grazie. Luigi

  20. caro stefano
    mi sono alzata questa mattina come al solito stanca di sentire il fastidioso e dolorante formicolio in tu tutto il corpo ma più accentuato nella spalla sinistra cosi ho cercato in google ho trovato il tuo blog
    il mio caso non è grave come il tuo e di tanti altri che ho letto .
    allora provo a spiegarti e se qualcuno mi può dare delle indicazioni sul da farsi lo ringrazio
    io foffro di crisi depessive dalla notte dei tempi il fischio all’orecchio sinistro lo sento da + di 30 anni
    ora al mattino x quelle poche ore che riesco a riposare fatico a mettermi in moto x via del formicolio che mi sta rendendo la vita un inferno non riesco ad aganciare il reggiseno ad esempio a prendere un bicchiere dal porta piatti ecc..ecc..
    ora vi chiedo solo i passi che devo fare x mirare gli esami giusti da fare visto che il mio medico mi ha detto che tutto questo me lo devo teneree che passerà con il tempo scusa x la lungaggine e ringrazio
    DANIELA

  21. @Daniela non sono un medico (e non credo ci siano medici che passano da queste parti: felice di essere smentito) e quindi non so darti una risposta alla tua domanda.

    però o il medico ti sa spiegare la natura del tuo problema oppure ascolterei il parere di un altro medico, quanto meno per fare un confronto.

    mi dispiace non saperti aiutare di più.

  22. francesco says:

    io qualche anno fa ho avuto la parestesia parziale dei piedi e delle mani e mi sono messo una grande paura: ma era solo atrosi cervicale… perciò il formicolio non è sempre sintomo di gravissime malattie

  23. lucrezia says:

    Mio cognato è in ospedale.. è entrato in coma lunedì a seguito di un attacco epilettico… venerdì stava già in reparto.. solo ieri (una settimana dall’evento) hanno diagnosticato questa encefalite… lui già si alza.. parla abbastanza bene.. credo ce ne siano di forme diverse.. l’unica cosa che non si capisce è.. la provenienza… e soprattutto mi pare anche la difficile diagnosi.. è stato una settimana ricoverato con tre prelievi al midollo e dopo aver escluso tutto sono arrivati a questo.. ma come mai ricorrono a questa malattia solo dopo tutto questo tempo… e pensare che era iniziato tutto con un’influenza di una settimana!!!

  24. @lucrezia probabilmente la causa è proprio quell’influenza. nel mio caso, hanno dedotto (purtroppo non si riesce a fare molto più che dedurre) che il virus che ha causato l’influenza è rimasto e si è sviluppato in un qualche punto del cervello.

  25. se posso volevo chiedere a quel ragazzo delle informazioni…oltre a congratularmi della forza di volonta che sicuramente a messo in tutta la durata del suo brutto episodio.io ho formicolio agli arti da un mesetto,pero va e viene…prima era alla mano sinistra poi ogni p andato via e poi mi è rivenuto anche se per poco da altre parti,mi hanno detto che puo essere la cervicale o il nervoso…cosa posso fare?

  26. Anch’io ho voluto saperne di più sul formicolio alla mano destra e piede destro che mi accompagna da un po’.Non ho ancora fatto indagini cliniche ma le farò subito. Ho pianto sapendo che si può trattare della sclerosi multipla. Sono madre di due splendidi bambini e loro non si meritano questo.Soffro anche di pressione bassa e quindi spero vivamente che a causare il fomicolio sia questo. Che dire stefano un grande in bocca al lupo a tutti.

  27. Ciao, sono Anna. Anche io mi sono imbattuta nel tuo blog perchè cercavo qualche notizia sul” formicolio”. Sono 5 o 6 giorni che mi affligge. Lo sento nella mano sinistra e si irradia fino al gomito. Certo andrò a farmi visitare, solo che ora nn sono nella mia città.

  28. Ciao,

    ho 30 anni e dall’inizio dell’estate ho iniziato ad avvertire dei sintomi ai quali a dire la verità non ho dato molta importanza. Gonfiore delle caviglie, intorpidimento degli arti, formicolii. A volte anche crampi, ma questi erano già abbastanza frequenti nel corso degli anni precedenti. Poi dopo 10 giorni di ferie ho iniziato a stare meglio, ma poco dopo aver ripreso il solito ritmo quotidiano (sono separata, con figlio di 6 anni e mezzo con un lavoro full time) è tornato tutto come prima e i formicolii agli arti cominciano di nuovo ad essere frequenti nel corso della giornata. A dire il vero, mi sono spaventata leggendo questi blog e vorrei un consiglio su cosa fare. Le mie analisi del sangue sono perfette, ne sono certa in quanto sono donatrice Avis e ora vorrei sapere da dove cominciare per affrontare alla svelta il problema senza passare dal mdico di famiglia che mi prescriverebbe sicuramente analisi e controlli con liste di attese di mesi!

    Grazie!
    Valeria

  29. CIAO MI SONO IMBATTUTA NEL TUO BLOG XKè CERCAVO INFORMAZIONI DALL’ENCEFALITE VIRALE….DA DOMANICA UN MIO CARO AMICO è ENTRATO IN COMA,IN PRIMIS SI VREDEVA FOSSE MEINGITE,ORA Xò SI è ARRIVATI ALLA CONLUSIONE ESSERE ENCEFALITE VIRALE..SIAMO TUTTI PREOCCUPATI,MA CREDIMI LA TUA TESTIMONIANZA MI STà DANDO LA SPERANZA DI CREDERE SEMPRE PIù CHE TUTTO QUESTO POSSA CONCLUDERSI NEL MIGLIORE DEI MODI…IN FONDO LUI HA SOLO 21 E VEDERLO COSì,IMMOBILE SU UN LETTO DI OSPEDALE CI DISTRUGGE L’ANIMA….IO CMQ CONTINUO A PREGARE E A SPERARE CHE DIO ESAUDISCA LE NOSTRE PREGHIERE….

  30. Salve,
    mi sono imbattuta su questo sito cercando su google: “formicolio mani”.
    In effetti soffro da diversi giorni di formicolio soprattutto alla mano destra, all’inizio per pochi istanti ed adesso per parecchi minuti.
    Qualche giorno fa sono stata a visita dal mio osteopata il quale mi ha rassicurata dicendomi che con molta probabilità si tratta di intolleranza al latte vacciono o a forte stress a cui sono sottoposta per motivi di lavoro. a me non convincono nessuna delle due ipotesi perchè bevo latte da sempre ( ho 33 anni) e sono una persona molto attiva e trovo stimolanti le situazioni di stress. Andrò subito dal mio medico di famiglia, ma ho paura che mi dirà anche lui che si tratta di stress. in questo caso che posso fare?

  31. ciao Sabrina, io non sono un medico, ma un ex paziente, quindi più di tanto non so consigliarti sul cosa fare. certo che il mio buon senso mi dice che un medico dovrebbe basare la propria diagnosi su esami, non su sensazioni. assicurati che il tuo medico produca una diagnosi con basi scientifiche, altro non saprei suggerirti.

    ciao

  32. Cosa intendi per formicolio continuo? Io per esempio ho formicolii che chiamerei “deviati”, deviati appunto attraverso la mia mente, i miei pensieri, la mia attività fisica, i miei movimenti. Son delle fastidiosi sensazioni che a volte interessano l’intera gamba sx, a volte le dita della mano, a volte formicolii o spasmi alle ultima dita della mano sx. Poi scompaiono non appena non ci penso, per poi ricomparire leggendo un post come questo…

  33. @Francesco direi che se scompaiono nel momento in cui smetti di pensarci sono formicolii ben diversi da quello che avevo io :)
    ne approfitto anzi per scusarmi se ho fatto terrorismo psicologico, il mio voleva solo essere un invito a non trascurare la cosa.

    nel mio caso, era una continua “vibrazione” che nel giro di una giornata è partita dalle estremità degli arti (mani e piedi) fino a prendere tutto il mio corpo. nel giro di 12 ore ero però alla soglia del coma, quindi è chiaro che si tratta di cosa diversa…

  34. Eh però comprendi Stefano, che detto in questi termini, ridimensioni notevolmente i mille sintomi che ci affliggono quotidianamente riportandoli alla loro natura di lievi disturbi, e non di malattie. Ricordiamoci che Internet è un mezzo pazzesco, seguito da milioni di persone e, per molte di queste, il primo mezzo dove reperire le informazioni primarie riguardo le nostre vicende quotidiane ( da come fare il risotto alla zucca al perchè ho il corpo che non mi funziona bene…). Proporrei di modificare questo post, rendendolo meno “terrorista”….

  35. Non vorrei essere frainteso: ti sono vicino empaticamente per quello che hai passato, non deve essere stata una esperienza facile. Ma il tuo desiderio di rendere la tua esperienza come utile, mi devi dare atto di ciò, potrebbe aver creato in molti un allarmismo ingiustificato. Siamo chiari con un discorso: la prevenzione è la cosa più importante, per cui regolarmente fate analisi ogni anno dopo i 30 anni, fate regolarmente attività fisica, e consultate un medico in presenza di sintomi CERTI e PERSISTENTI.

  36. @Francesco pronto a correggere qualsiasi cosa, devo capire meglio però: devo renderlo meno “terrorista” o devo ridimensionare meno i mille sintomi?

    che poi, io di mille sintomi ne ho in continuazione… ho parlato di questo perché ci stavo restando :)

  37. salve,
    come volevasi dimostrare il mio medico non mi ha fatto fare nessun controllo specialistico e ritenendo che il formicolio al 99% riguarda uno stato imfiammatorio mi ha prescritto una cura di cinque giorni (pranzo e cena) di aulin!
    risultato: il formicolio persiste e mi sono letteralmente rovinata lo stomaco.

  38. il minimo che posso dire? cambia medico.

  39. Ciao stefano, mi fa piacere la tua presenza fra noi :-) , io ho vibrazioni e formicolii “spot” nel senso che non si protraggono e spesso sono brevissimi, tipo “punturina”, anche vibrazioni sempre “spot” e casuali delle dita..
    Mi basta allontanarmi da lavoro perchè i sintomi si riducano, indi suppongo che la conclusione sia evidente, stress, lo stress si combatte in varie maniere, ma in generale migliorando il proprio approccio alle questioni stressanti.

  40. Ciao Stefano.

    Allora io che ho formicolii al di sotto delle ginocchia e ai piedi, con strane sensazioni alle mani e crampi ai polpacci una sindrome neurologica ce l’ho di sicuro.
    il neuro mi ha visitato, ma non ha riscontrato i classici segni di soff neuro, quindimi ha prescritto TAC e elettromiografia.

    Mi devo aspettare una tranvata…

    A questo punto il diabete sarebbe il male minore…

    Se ho solo la cervicale faccio festa e vi invito tutti a cena…

    Ciao

    Riccardo

  41. sono capitata per caso qui, cercando informazioni su formicolio alle mani e ai piedi.Sono Francesca, 21 anni.
    A me è iniziato con un formicolio a metà settembre ai polpastrelli delle mani, poi è passato a tutta la pianta delle mani. Poi alle dita dei piedi e a tutta la pianta. Affaticamento, cefalee erano i sintomi e mi pesavano le gambe. ho fatto subito una visita dal neurologo e dopo una elettromiografia ha visto che la conduzione agli arti inferiori è più lenta. allora subito risonanza magnetica. Avevo paura che fosse una cosa più grave, i neurologi pensavano alla SM o ad un tumore. Anche mio padre, medico, lo pensava. Poi invece la RM ha indicato : lesione alle fibre del nervo motorio con interessamento alle corna posteriori. Mi hanno ricoverata e sono stata un mese, sono uscita una settimana fa. Mi hanno rivoltato come un calzino, il mio quadro è anomalo, non si era mai visto.Lo hanno ripetuto ogni giorno, e continuano a ripeterlo. Hanno mandato i miei esami a far vedere ad altri neurologi e neuroradiologi ma non si sono espressi. Si pensava che peggiorassi ed in effetti entrata in ospedale ho raggiunto la mia condizione peggiore, non sentivo i piedi, la pianta dei piedi ed almeno fino al ginocchio. Non piegavo le gambe. Pensavano addirittura ad una malattia rara. intanto mi hanno dato per 24 giorni cortisone ad alte dosi e per una settimana un antivirale di base.Poi alle terza risonanza si è visto che c’è stato un leggero miglioramento. Il cortisone ha tolto l’infiammazione acuta. Mi hanno fatto uscire con diagnosi di encefalo mielite di natura molto probabile virale. Ora ho iniziato la terapia che si basa sulla fisioterapia. Tanta pazienza, buona volontà, concentrazione, forza fisica e soprattutto forza mentale.E’ una cosa lunga non si sa quanto ci vorrà perchè deve ricrescere la mielina e lo fa molto lentamente. I sintomi per me ora sono sempre li stessi. Le difficoltà sono molte, per casa mi muovo con un deambulatore fisso. ho voluto raccontarvi la mia esperienza perchè purtroppo a volte non si da molta importanza a dei sintomi. E’ importante rivolgersi ad uno specialista, subito.
    ciao,
    F

  42. Ciao Francesca,

    Non ho la fortuna di conoscerti, ma mi fa piacere che tu stia meglio e che , sebbene con grande fatica, ti stia lentamente riprendendo.

    In considerazione della tua giovanissima età sono sicuro che ritornerai meglio di prima; mi spiace solo sentire che utilizzi ancora un deambulatore per muoverti; cmq i dottori sono stati bravissimi.

    Anch’io accusavo gli stessi identici sintomi, ma la visita neurologica ha fugato ogni dubbio, attribuendoli d uno stato di forte stress emotivo dovuto a problemi lavorativi e privati. (tanti problemi tutti insieme).

    Rimosse le cause è andato tutto (quasi ) a posto.

    Mai sottovalutari i sintomi neurologici: sono subdoli e possono celare patologie più gravi.

    Un augurio di rapida guarigione.

    Riccardo

  43. Ciao Riccardo,
    purtroppo il deambulatore mi è necessario, non ho ancora equilibrio e stabilità (come sempre, tanta pazienza).
    Sai, anch’io all’inizio pensavo allo stress, venendo da un periodo molto intenso per l’università.
    Ho letto il tuo messaggio prima del mio e capisco il tuo stato emotivo in quel momento. Non sentirsi le gambe, i piedi e questi formicolii è una senzazione che mentalmente ti fa pensare subito al peggio e cmq è pesante,.
    A me ad esempio alle mani tuttora i formicolii mi danno problemi se afferro le cose, non mi danno sicurezza e non mi permettono di fare movimenti precisi perchè mi tremano (anche se mi sono aumentati i muscoli delle braccia per la forza che ho fatto all’inizio sul girello per sostenermi in ospedale con la fisioterapista,poi sul deambulatore quindi ora mi tremano di meno ). Per le gambe ed i piedi tutto è uguale, anche se noto che la fisioterapia, seppur impegnativa e pesante, ti “risveglia” i muscoli e senti, nonostante i dolori, che cominciano a sembrarti più leggere a volte.
    Ti ringrazio per le tue parole e per il tuo augurio.

    Ora la prossima settimana farò una quarta risonanza, e per adesso la fisiatra mi fa continuare la fisioterapia a casa per altri 10 incontri, iniziando dalla prossima settimana anche con l’elettroterapia.
    Continuo ancora ad aver fastidio agli occhi, non posso guardare tv, nè leggere perchè mi viene il mal di testa forte. Questo lo avevo anche in ospedale, e l’affaticamento alla vista l’avevo iniziato a sentire quando mi sono cominciati i formicolii. I neurologi pensano, come mi ha spiegato anche la fisioterapista , che tutto questo faccia parte del quadro clinico che ho ma la fisiatra mi ha prescritto una visita dall’ortottista.

    Una cosa particolare che può servire per informazione a tutti : la fisiatra mi ha fatto comprare per la terapia la console nintendo Wii Fit Plus perchè dice che è fondamentale per la riabilitazione (è una sperimentazione americana). Ci sono esercizi di postura, di equilibrio e tante altre cose da fare sopra una pedana. Per adesso mi ha indicato di iniziare con i primi esercizi.

    Ciao

    Francesca

  44. Grazie a te, Francesca.
    Se ti va e ti puo’ essere d’aiuto puoi lasciare dei post x tenerci informati sui tuoi miglioramenti oppure scrivere alle fine quado tutto sara’ tutto un brutto ricordo (e cio’ avverra’ presto).
    I migliori auguri di una pronta e completa guarigione e un saluto anche agli alri utenti del sito.
    notte.

  45. Ciao a tutti, sono capitato in questo link tramite una ricerca su google e mi è sembrato quello più serio (se non l’unico), sicuramente quello più reale.
    Il mio problema è che da un paio di mesi ho un intorpidimento agli arti inferiori (maggiormente dal ginocchio in giù) e a volte anche alle braccia (maggiormente all’avambraccio), negli ultimi 15 giorni ho notato che la cosa è peggiorata.
    Questo formicolio di notte è praticamente INESISTENTE ma di giorno si fa vivo dopo un pò che sono sveglio; si accentua ad esempio se resto seduto su una poltrona magari con i piedi appoggiati su un pouff, se resto seduto a lungo su una sedia (ad esempio al momento che sto scrivendo al computer sento che aumenta la sensazione di formicolio alla parte posteriore del polpaccio e un intorpidimento alla zona delle caviglie e piedi).
    Se mi metto a camminare generalmente o sparisce o diminuisce notevolmente (o è solo perchè non ci faccio più caso?) per poi farsi risentire appena mi siedo.
    Questo fastidioso intorpidimento (tipo quando si resta troppo con le braccia alzate) negli ultimi giorni si è fatto molto più intenso, e devo dirvi la verità che navigando in internet ho preso un grosso spavento.
    Ho deciso che domani mattina vado dal mio medico di base per un controllo.
    Intanto voglio dire a tutti voi grazie, grazie; spero di non aver “rotto” troppo con le mie storie, ciao ancora.
    Roberto.

  46. Ciao,
    ti ringrazio per ciò che hai scritto. Mi trovo all’estero per studi e mia sorella è stata ricoverata stamane in ospedale, in neurologia. So dai miei che ha fatto già liquor ed è in terapia cortisonica. Non ho avuto il coraggio di rigirare il coltello nella piaga e chiedere ai miei se ci sia davvero qualcosa di grave, ma ho tanta paura. Se hai tempo ti sarei grata di una risposta, anche breve, qualsiasi cosa. Mia sorella ha 19 anni.
    Grazie di cuore.

  47. penso che sia una cosa buona che qualcuno ci illumini, ormai cerco su internet i problemi a qualsiasi cosa e ringrazio il signor Gorgoni per aver scritto in merito a quella che e’ stata la sua esperienza. con la speranza che il mio medico non sia un minchia… le auguro di poter recuperare anche le sue partite a calcetto.. c’e’ chi dice che l’importante e’ poter raccontare le cose.. io lo penso anche!
    per il resto le auguro una buona notte e un gigantesco in bocca al lupo!!!

Trackbacks

  1. [...] Stefano descrive dettagliatamente la sua esperienza con il formicolio agli arti, mettendo a disposizione di tutti informazioni importanti su una casistica che è meglio non trascurare. Chi ha letto quel post sa giá cosa mi é successo (appunto, formicolio e coma di 17 giorni per encefalite virale), e molto probabilmente sa anche che ora sto benissimo. Vorrei che questo post riuscisse a raggiungere le primissime posizioni dei motori di ricerca per un semplicissimo motivo: voglio che chi sta cercando informazioni sul formicolio agli arti (informazioni che probabilmente non saranno esattamente tranquillizzanti) possano avere speranza. coma, encefalite, formicolio, neurologia [...]

  2. [...] Tramite Tambu e Giorgio ho scoperto il post di Stefano Gorgoni che descrive dettagliatamente la sua esperienza con il formicolio agli arti. E’ inutile ribadire quanto sia importante diffondere questo tipo di informazioni e nel mio piccolo cercherò di fare in modo che, anche in futuro, l’articolo di Stefano sia sempre in evidenza almeno nella sidebar di questo blog. Stefano Gorgoni: Certo, un bel documento scientifico che spiega le possibili cause sarebbe piú adatto, ma da quel che ho capito il formicolio agli arti indica qualcosa di grave; se non sempre, quasi. E quindi, non é il caso, a mio avviso, di cercare informazioni su Google. Chiamate direttamente il dottore (ed uno bravo, non un minchia come il mio vecchio medico di famiglia…). Il formicolio agli arti spesso indica problemi di natura neurologica (che sia encefalite virale, come nel mio caso, sclerosi multipla o altro). C’é poco da stare allegri, insomma… Technorati Tag: coma, encefalite, formicolio, neurologia . Scritto da Enzo il 25/08/2006 – Pubblicato in Medicina . [...]

  3. Formicolio agli arti…

    Formicolio agli arti. Nel suo blog Stefano Gorgoni parla della sua vita prima, dopo e durante il coma dovuto ad encefalite virale. Esperienza non felice ma che lui cerca comunque di mettere a disposizione degli altri. Facciamo le corna va……

  4. [...] Cazzeggiando come al solito in rete ho trovato questo post di Stefano Gorgoni. Io sono uno che dal medico ci è andato soltanto un paio di volte in vita sua, e anche di malavoglia…sono uno che fuma tanto (troppo). Non so se il fumo, la circolazione, lo stress dovuto a questo periodaccio (@work and @love) siano la causa del mio sentirmi un pò strano ultimamente. [...]

  5. [...] Raccolgo il suggerimento di un altro blogger per contribuire a dare maggiore visibilità ad un articolo che potrebbe essere importante per qualcuno [...]

  6. [...] Ciò che mi interessa in un blog, al 90% dei casi, è la persona che ci sta dietro, oltre ai suoi interessi e al suo punto di vista. Segnalo con gioia l’esperienza di Stefano che, nonostante un formicolio agli arti e il coma conseguente, si è ripreso bene e continua a curare il suo blog, oltre a vivere una vita normale. [...]