Perché? Non lo so, non insistete

Da ieri mi ritrovo a rispondere continuamente alla stessa domanda: “perché sei stato bannato dal forum GT?”. E da ieri continuo a dare la stessa risposta: “non lo so”. Quindi, evitate di chiedermelo, almeno per qualche giorno.

In occasione dello IAB Forum della settimana prossima a Milano, infatti, mi incontrerò di persona con Giorgio per avere le spiegazioni del caso. Quando rientrerò da Milano potrò, quindi, rispondervi. Ma fino a quel momento vi dovrete accontentare dell’unica risposta possibile: “non lo so”. Ok? 🙂

Se non vi chiamate IAB Forum, curate l’usabilità del vostro sito

Il 7 e l’8 novembre si svolgerà a Milano lo IAB Forum 2007. La partecipazione è gratuita, ma è necessario iscriversi on line. Io ho deciso di attraversare l’Italia e andarci. Ed infatti mi sono appena iscritto al form. Ma che fatica!

La pagina di iscrizione è questa. Come potete vedere, il form è preceduto da un piccolo avvertimento nel quale c’è scritto:

I dipendenti delle Aziende Sponsor sono pregati di utilizzare la form a loro riservata e non quella sottostante. Tale procedura consentirà di ricevere in azienda il proprio badge completo di logo aziendale che permetterà l’accesso anche durante i giorni di allestimento.

Se non che, a me che non faccio parte di una azienda sponsor, viene il dubbio: il mio badge? Ne avrò uno? Insomma, c’è un inutile carico di informazioni che mi instilla dubbi, e quasi mi frena. Ma è lo IAB Forum, figuriamoci se mi faccio spaventare da una piccolezza di questo genere 🙂

Riempio tutti i campi, selezionando anche la categoria di appartenenza (non senza qualche attimo di riflessione, della serie “chi sono”, “cosa faccio”, “dove vado”, etc etc etc), e clicco su “Invia”.

Ma anziché trovarmi una pagina con il solito messaggio “Grazie per esserti iscritto”, “Complimenti per aver deciso di partecipare”, o quel che volete voi, mi trovo davanti ad una pagina ben più impegnativa. [Per saperne di più…]

Se questo è SEO

Su questo blog ho già chiesto chi è, secondo voi, il SEO. E ho ottenuto risposte demoralizzanti, per me e per tutti quelli che fanno questa attività in maniera corretta.

Ma avete ragione voi. C’è ancora troppa porcheria in giro. E tutta la “categoria” dei SEO viene rovinata.
Un esempio? Andate su Google e cercate realizzazione siti internet. Tra i primi posti trovate anche Gragraphic (apprezzate il fatto che in questo caso ho messo il nofollow). Bene, visitatelo. E guardate il footer.

Visto? Ok. Quello non è SEO. È spam. Che si può segnalare tramite apposito spam report a Google (qui lo spam report senza autenticazione, che però viene – probabilmente – preso in minor considerazione da Google. Meglio quindi il primo link).

Indicizzazione 101

L’ispirazione a questo post viene da un anonimo che ha raggiunto questo blog cercando proprio “quanto tempo impiega google per indicizzare una pagina”.
Scuserete l’arroganza del titolo (originariamente doveva essere proprio la query in questione), ma – contando anche sugli eventuali commenti – penso possa uscirne sinceramente un post definitivo.
Ultima cosa: questo post non è per esperti. Loro non hanno neanche bisogno di leggere oltre (bisogno no, magari voglia si).

Ok, dunque: quanto tempo impiega google per indicizzare una pagina? La risposta è semplice: dipende! In realtà, è la domanda che è incompleta. E allora, dato che nella mia insonnia notturna mi capita spesso di vedere (è questione di pochi fotogrammi, ma l’inconscio, si sa, fa brutti scherzi) il faccione di Marzullo, mi faccio le domande e mi do le risposte. Voi in caso aggiungetene altre, che i commenti sono aperti anche per questo.

Prima però va fatto notare che da qualche tempo Google è capace di indicizzare le pagine molto più velocemente di quanto facesse prima. Non è raro trovare pagine pubblicate ed indicizzate in meno di un’ora. Se volete approfondire un po’ l’argomento, c’è un post di Matt Cutts che spiega meglio questa novità.

Veniamo ora ad una serie di domande più generiche. A questa novità non farò ulteriore riferimento, anche se un hint lo trovate al punto 2.

  1. Ho un sito nuovo. Quanto tempo impiega Google per indicizzarlo?

    Innanzitutto, bisogna tenere ben presente che Google (così come anche gli altri motori di ricerca più usati) usano i link per trovare nuove pagine e siti. Diciamola tutta: si aiutano (soprattutto Google) anche con altri mezzi. Ma fondamentalmente è grazie ai link che i motori di ricerca trovano nuove pagine da indicizzare.
    Va da sé che il link verso la nuova pagina da indicizzare deve essere presente all’interno di una pagina già indicizzata dai motori. Questo perché una pagina indicizzata è una pagina conosciuta ai motori, che ciclicamente torneranno a visitarla per verificarne il contenuto (e quindi, anche i link).
    Ci sarebbe (almeno?) una eccezione a questa regola: una pagina con il meta tag NOINDEX,FOLLOW, ma preferisco lasciar da parte le finezze, altrimenti non finiamo più 🙂
    Un ultima nota doverosa: mai mai mai mai mai usare l’addurl che qualche motore di ricerca ancora mantiene vivo (sospetto solo lato frontend, mentre nel backend c’è un bel buco nero). Se tutto va bene, infatti, segnalare un sito ad un motore di ricerca è inutile. In moltissimi sospettano sia addirittura dannoso
    Quindi, quanto tempo serve per indicizzare un nuovo sito? Dipende da quanto spesso lo spider passa per la pagina contenente il link verso il nuovo sito. Da quel momento, è generalmente necessario attendere qualche giorno (non esiste una regola precisa, può essere 1 giorno oppure 10 giorni). Aumentare il numero di link verso il sito tendenzialmente velocizza questo processo.

  2. Ho un sito già presente in Google. Ho creato una nuova pagina: in quanto tempo verrà indicizzata?

    Vale la stessa regola esposta nella risposta precedente: il link permette agli spider di trovare nuove pagine.
    C’è però una piccola differenza che ci può aiutare a prevedere più accuratamente quando la pagina verrà indicizzata: se il link è nel nostro sito, possiamo (dobbiamo poterlo fare!) verificare quando lo spider passa. Con questa informazione, già possiamo fare una stima. Ma se a questo aggiungiamo che possiamo anche fare proiezioni basate sulle pagine indicizzate in precedenza, possiamo arrivare ad una buona approssimazione. Io verifico che in siti “normali” il tempo che intercorre tra spiderizzazione ed indicizzazione è di uno o due giorni. Con i blog, può accadere anche molto più velocemente. Perché? Beh, banalmente, Google & co. leggono il nostro feed! 😉

  3. Il mio sito è on line da parecchi mesi/anni, ma non è presente in Google. Cosa devo fare?

    Se non è mai entrato nell’indice di Google, è probabile che non abbia mai ricevuto un link da pagine già note. Se siete sicuri che questo non è il vostro caso, però, c’è un problema. Probabilmente infatti il vostro sito risulta bannato. E son cazzi, come dicono i francesi.

  4. Ho creato una nuova pagina. Dopo due giorni era indicizzata su Google, ma ora, al terzo giorno, non la trovo più. Perché?

    Perché non esiste un Google. Google ha moltissimi datacenter raggiungibili via Internet e raramente sono perfettamente sincronizzati tra di loro. Quando ti colleghi a Google ti colleghi ogni volta ad un diverso datacenter. Se quindi il tuo sito è presente in qualche datacenter e in qualcun’altro no, dovrai solo avere la pazienza di aspettare un po’. A sincronizzazione avvenuta, troverai la tua pagina indicizzata sempre e comunque.

  5. Quanto costa essere indicizzati nei motori di ricerca?

    Nulla. O meglio, i motori di ricerca non chiedono soldi per indicizzare il tuo sito. Quello di cui hai bisogno per avere il tuo sito in un motore di ricerca è un link. Se poi sei costretto a pagare per avere quel link, è un altro discorso.

Come vedete ho cercato di non approfondire fino alla noia. D’altra parte, capitemi: se iniziavo a tirare in ballo robots.txt, meta tag, ban, redirect e chi più ne ha più ne metta, io non finivo più di scrivere. E voi di leggere.

p.s. in questi ultimi giorni ho una discreta propensione alla scrittura. Mi sembra quindi opportuno, dato che è in tema, segnalare anche la pagina dedicata all’indicizzazione che ho scritto pochi giorni fa su WebRising.

Grande gioia

Era uno dei miei blog preferiti. Non parlo di una lista di preferiti molto lunga. Forse sarebbe entrato nella mia top5. O in una top3. Fatto sta che è con grande gioia che il mio feed reader mi ha appena mostrato l’ultimo post, che appunto è il primo dopo lunghissimo tempo (quasi due anni), di Alessandro Banchelli su Edentity Coach.

Ogni SEO impiega come vuole il proprio tempo

Voi continuate a chiedervi se sia meglio il trattino o l’underscore, continuate a lamentarvi di non essere dentro ODP, continuate a guardare cose inesistenti come la keyword density, continuate a riempire i vostri footer di merda, regalate qualsiasi cosa in cambio di un link, continuate pure a chiedervi perché Google è tanto cattivo e continuate a chiedervi se è meglio fare keyword stuffing nell’attributo title o nell’attributo alt. Continuate a piazzare i nofollow in modo da non disperdere il Pagerank, continuate a guardare cosa mettono i vostri concorrenti nel meta keywords, continuate a fare scambi link guardando il Pagerank, continuate a registrare domini pieni-di-keyword-utilissime.

Io continuo a migliorare il mio ranking.

p.s. mi piacerebbe avere un maggior numero di commenti al post Chi è secondo te il SEO?. Mi accontentate?

Cercavi un link ma hai guadagnato una figura di merda

C’è uno spammer nostrano che sta cercando di raccattare link qua e là attraverso commenti nei blog che hanno rimosso il nofollow (l’analisi del comportamento degli utenti su un sito serve anche a questo 😉 ). E io lo metto nello spam.

Non mi sono mai interessato troppo di come funzioni akismet, ma sono sicuro che se molti blog segnano come spam i commenti di questo furbo, tra poco verrà filtrato in automatico. Per dovere di cronaca, lo spammer in questione cerca (in tutti i modi, persino usando una virgola come anchor del link) di promuovere cittaditorino.net.

Bella figura.

Come lo spam del viagra sta alla farmacia

Mentre attendo un maggior numero di commenti al post Chi è secondo te il SEO? – per chiarire: 1) la vostra risposta non può essere sbagliata. Per definizione! 2) SEO sta per Search Engine Optimization e chi fa SEO si occupa quindi di migliorare la visibilità dei siti web sui motori di ricerca – vi dico chi SEO non lo è.

La nostra società è specializzata nell´inserimento e posizionamento dei siti web nei Motori di Ricerca italiani ed internazionali.

Il tuo sito nei principali Motori di Ricerca
Google, Virgilio e Libero, Msn, Yahoo, Altavista, Tiscali

Garanzia di inserimento nelle directory
Solo 149 euro + iva
.
Informati e acquista il servizio
.

L´importante è scegliere parole chiave “vincenti” che identificano esattamente il vostro servizio/prodotto

Ad esempio: se site una tipografia di Roma userete parole chaivi del tipo:
– tipografia roma ; stampa calendari ; stampa calendari 4 colori ; stampa calendari roma

Se siete un Hotel in zona fiera a Milano
– hotel zona fiera milano ; hotel 3 stelle milano ; hotel vicinanze fiera milano

Inseriremo nel vostro siti i corretti codici Metatags e a cadenza trimestrale vi spediremo un reports di visibilità

Questa email è l’ultima di una lunga serie di spam che ricevo da sedicenti SEO (gli piacerebbe, eh) che vogliono truffare la gente. Ma questi stanno al SEO come chi vi vuole rifilare viagra e cialis sta alla farmacia.

Chi è secondo te il SEO?

Sto preparando da diversi giorni un post sul caso relativo alla penalizzazione di MasterNewMedia da parte di Google. Lo sto preparando con una certa lentezza sia per necessità sia per volontà, dato che se ne sta parlando parecchio in questi giorni, ed escono spesso e volentieri nuovi dettagli, nuove considerazioni, etc.

Sia dai post di Robin sull’argomento sia da altri commenti sparsi qua e là, mi sembra però prioritario partire da un argomento vicino ma collaterale, prima di concludere il post di cui sopra, il quale, probabilmente, alla fine non verrà pubblicato qui ma su Marketing Routes, dato il target di riferimento e la maggior visibilità rispetto a questo blog.

Però è qui, dove i lettori non sono solo SEO e SEM, che devo chiedere a voi: chi è secondo te il SEO? quale opinione hai di questo lavoro e di questa categoria di lavoratori?

Vi prego di rispondere con la massima sincerità, senza farvi problemi di sorta. Al limite, se ne sentite il bisogno (non riesco ad immaginare un motivo, ma magari c’è), scrivete il commento in modo anonimo. Però è davvero importante a questo punto capire esattamente qual è la reputazione dei SEO.

Ovviamente, chi è SEO può evitare di commentare. Forse addirittura dovrebbe evitare, ma niente imposizioni. Magari specificate all’inizio del vostro commento che siete un SEO.

Vi ringrazio in anticipo per i commenti che vorrete lasciare.

Il raggruppamento delle pagine nelle SERP di Google

Dato che all’interno di una discussione sul forum GT è uscito l’argomento, ripropongo qui anche per i miei lettori quanto ho scritto, così come l’ho scritto (giusto qualche correzione stilistica), sull’argomento “raggruppamento delle pagine all’interno delle SERP“, che lo ricordo sta per Search Engine Result Page, ovvero la pagina dei risultati sul motore di ricerca.

Sappiamo tutti che un dominio può avere un massimo di due pagine per ricerca (finché si resta nelle ricerche normali, è ovvio che se cerchiamo rosse site:scarpe.com cambia). Con il termine dominio includo anche il sottodominio. Quindi, per esempio, ecco perché cercando su google la keyword ‘google’ abbiamo una sfilza di siti sotto google.com: www, maps, video, news, groups, bla, bla, bla. Sono sottodomini diversi, ed ognuno ha a disposizione due posizioni possibili (massime, teoriche).

Quando all’interno di una singola pagina di risultati un sito ha due pagine, queste vengono raggruppate. Se un sito ha per esempio due pagine che si posizionano per una determinata keyword al #2 e al #9 posto, Google visualizzerà le due pagine al #2 e al #3 posto.

Ecco spiegato perché quando la visualizzazione cambia, ed invece di 10 risultati ne visualizzi 100, i risultati sembrano cambiare. Semplicemente, vengono raggruppate le pagine di ogni sito che per quella keyword si posizionano nei primi 100 risultati. Se quindi avessimo un sito che per una keyword si posiziona al #2 e al #50 posto, visualizzando 100 risultati per pagina vedremo le due pagine al #2 e al #3 posto.

Sperando di essere stato chiaro, condivido al volo un ulteriore spunto di riflessione.
Ipotizziamo che un nostro competitor occupi il #2 ed il #3 risultato (perché raggruppati, appunto) per una keyword di nostro interesse. Sappiamo che la pagina al #2 posto sta occupando la sua reale posizione, ma sappiamo anche che quella al #3 posto in realtà è lì perché raggruppata, quando in realtà occupa una posizione che varia da #3 a #10 (dato che stiamo visualizzando 10 risultati alla volta. Si capisce poi da solo perché non ha senso fare questa operazione con più di 10 risultati).

Come facciamo a capire che posizione reale occupa? Semplice: aggiungiamo &num=9, &num=8, &num=7 e così via all’url della serp di google, finché il secondo risultato non sparisce. Quando sparisce, capiamo che posizione reale occupa quella seconda pagina che normalmente viene raggruppata.

A chi si chiede l’utilità di questa ‘scoperta’, ecco la risposta. Un sito che occupa due posizioni di fila ed è sopra di noi (magari subito sopra il nostro sito) tenderà a toglierci parecchi possibili click. E se noi siamo #4 ma la pagina al #3 posto ci ruba traffico, quando abbiamo scoperto che la sua vera posizione è, ad esempio, #10? Beh, sappiamo che posizione deve raggiungere una nostra pagina per eliminare quel doppio risultato (il raggruppamento) dalla serp di Google. A volte è molto difficile anche arrivare #10, quindi non è detto che ne valga la pena, eh. Ma meglio saperle, le cose 😉